Torna alla panoramica

FAQ relative al servizio mGuard Secure Cloud

Phoenix Contact opera in questo caso come vostro dipartimento IT personale, gestendo l'mGuard Secure Cloud public in un centro di elaborazione all'avanguardia con un'infrastruttura mGuard centralizzata, a cui ci si può collegare mediante i propri dispositivi mGuard tramite un tunnel VPN sicuro.

Garantiamo quindi la massima disponibilità e supporto 24 h al giorno, per 365 all'anno, assicurando la massima affidabilità per l'assistenza a macchine, impianti e clienti. I nostri amministratori del portale mGuard Secure Cloud public creano per voi configurazioni VPN mGuard, in base alle singole esigenze. Tali configurazioni potranno quindi essere scaricate dalla pagina web mGuard Secure Cloud public. Oppure potranno essere inviate via e-mail o tramite scheda SD.

La messa in servizio richiede sul lato hardware solo alcuni semplici passaggi con le configurazioni mGuard già predisposte.

L'mGuard Secure Cloud public consente l'accesso, rapido e sicuro, a tutte le macchine collegate tramite semplici passaggi. A tale scopo, il personale della manutenzione necessita solo ed esclusivamente di un browser web standard per il collegamento alla pagina web mGuard Secure Cloud public. Dopo l'autenticazione, tutte le informazioni rilevanti sono a portata di mano: postazioni, gestori, obiettivi della manutenzione (macchine), utenti e diritti di accesso.

mGuard Secure Cloud (mSC) è un servizio sicuro per connessioni remote. Questa tecnologia è stata sviluppata da Innominate, un'azienda del gruppo Phoenix Contact. mSC offre ai costruttori di macchine una soluzione semplice, vantaggiosa, sicura e indipendente dalla loro posizione per la manutenzione di sistemi e macchine mediante un'infrastruttura pubblica. Si tratta di un processo basato su web per connessioni rapide di macchine e impianti in tutto il mondo in totale sicurezza.

mGuard Secure Cloud public è un sistema di Remote Services basato sul cloud, il cui utilizzo non richiede l'installazione di alcun software. È sufficiente un browser web abilitato per SSL.

La pagina iniziale di mSC è raggiungibile tramite il seguente indirizzo Internet (Centro di calcolo di Berlino, Germania):

https://de.cloud.mguard.com/

Carattere jolly Cloud

Prima di poter effettuare il login a mGuard Secure Cloud public e usufruire dei servizi, è necessario registrarsi, una sola volta e gratuitamente, come cliente mGuard.

Procedere come segue:

  1. Fare clic sul pulsante “Login | Registrazione” nella parte superiore della pagina di login di Secure Cloud public.
  2. Fare clic sul pulsante “Registrazione” nella finestra di login aperta. Oppure: fare clic sul link “REGISTRAZIONE” mostrato al centro della pagina di login.
  3. Compilare tutti i campi obbligatori del modulo di registrazione.
  4. Inserire la rete target (rete di macchine) alla quale si desidera accedere tramite connessione VPN.
  5. Accettare le condizioni del contratto di valutazione di mGuard Secure Cloud public spuntando la casella di controllo corrispondente.
  6. Immettere il codice di sicurezza (captcha).
  7. Fare clic su “OK”.

Dopo aver verificato i dati immessi, Secure Cloud Service crea un cosiddetto cliente. Questo processo può durare molte ore a causa dell'attenta verifica sui dati forniti.

Una volta conclusa la verifica, vengono inviati i dati di accesso all'indirizzo e-mail dell'utente definito come "Master admin" nel modulo di registrazione.

Login a mGuard Secure Cloud public

Il login all'mGuard Secure Cloud avviene sempre sotto forma di cliente. Tutte le attività svolte nel Cloud vengono eseguite in riferimento all'account del cliente.

Dopo aver immesso i dati di registrazione, all'utente "Master admin" vengono inviati i dati di accesso all'indirizzo e-mail indicato per un periodo gratuito di prova di 30 giorni.

Dopo la valutazione o dopo aver optato per una tariffa, l'utente riceverà da Secure Cloud Service il rispettivo contratto. Dopo aver rispedito il contratto d'uso sottoscritto, l'utente riceverà i dati di accesso per la tariffa selezionata all'indirizzo e-mail indicato. Conservare con cura i dati di accesso ed evitarne la diffusione.

Con i dati di accesso (numero identificativo del cliente, nome utente e password) l'utente può infine effettuare il login a mGuard Secure Cloud public.

Procedere come segue:

  1. Fare clic sul pulsante “Login | Registrazione” nella parte superiore della pagina di login di Secure Cloud public.
  2. Nell'area di “Login” inserire il numero identificativo del cliente, il nome utente e la password.
  3. Se è stata spuntata la casella di controllo "Rimani loggato", il login dura fino a un mese.
  4. Se la casella non è stata spuntata, si viene disconnessi dal sistema dopo un'ora di inattività.
  5. Fare clic sul pulsante “Login”.
Login a mGuard Secure Cloud public

A causa di un controllo approfondito delle credenziali di accesso durante i normali orari di ufficio (fuso orario di Berlino) da parte del nostro servizio Secure Cloud, questa procedura potrebbe richiedere del tempo. Questo processo è una misura preventiva volta a impedire la registrazione e il login di persone o istituzioni non affidabili.

Se avete dimenticato la combinazione login/password, è possibile richiedere una nuova password nell'area di login al link "Dimenticata la password?". Un link per la creazione di una nuova password verrà inviato all'indirizzo e-mail dell'utente salvato nel Cloud. Questo link è valido solo per un massimo di 24 ore. Una volta trascorso questo lasso di tempo deve essere richiesta una nuova password. Se non si riceve il link entro pochi minuti all'indirizzo email indicato, controllare all'interno della sezione spam.

Password dimenticata del Cloud

mGuard Secure Cloud utilizza una tecnologia VPN (Virtual Private Network, Rete Privata Virtuale) basata su standard IPsec.

mGuard Secure Cloud riceve informazioni per il collegamento (come l'indirizzo IP) sia dai tecnici dell'assistenza che dal dispositivo mGuard collegato con le macchine. Questo rende possibile la comunicazione bidirezionale tramite Internet in totale sicurezza.

Purtroppo no. mGuard Secure Cloud è attualmente disponibile solo per i clienti e gli utenti mGuard. 

Unica eccezione: gli operatori del servizio assistenza possono collegarsi a mGuard Secure Cloud anche mediante client VPN con certificazione IPsec.

Tutte le apparecchiature mGuard collegate a mGuard Secure Cloud devono obbligatoriamente avere la versione del firmware 7.5 o superiore.

La configurazione necessaria per la macchina collegata tramite mGuard e per il collegamento necessario al tecnico dell'assistenza è fornita da Innominate.

Dopo aver fornito a Innominate le informazioni per il collegamento (come l'indirizzo IP), Innominate invierà il file per la configurazione.

Il file per la configurazione sarà disponibile sul sito web mSC, oppure verrà inviato via e-mail o tramite scheda SD.

I prodotti mGuard vengono fabbricati esclusivamente in Germania e i server per i nostri servizi basati sul cloud sono disponibili in un centro di elaborazione in Germania, caratterizzato dalla massima affidabilità e disponibilità.

In questo caso operiamo come dipartimento IT personale dell'utente, gestendo Secure Cloud in un centro di elaborazione all'avanguardia con un'infrastruttura MGUARD centralizzata, a cui ci si può collegare mediante i propri dispositivi mGuard tramite un tunnel VPN sicuro.

L'mGuard Secure Cloud public è un'infrastruttura VPN potente e scalabile nel cloud, che collega il personale di manutenzione a macchine e impianti tramite Internet, in modo semplice e sicuro. La tecnologia VPN mGuard utilizza il protocollo di sicurezza IPsec con un potente sistema di cifratura. Tale cifratura garantisce a mGuard la riservatezza, autenticità e integrità di tutte le informazioni e i dati scambiati tra i tecnici della manutenzione e le macchine.

Sono impostati più livelli di sicurezza. Sul lato dei tecnici dell'assistenza si utilizza una procedura a due fattori per la sessione e un'autenticazione VPN. L'mGuard Secure Cloud supporta anche certificati X509 che garantiscono univocità e riservatezza per ogni tunnel VPN. Oltre a questi livelli di sicurezza è implementato anche il firewall mGuard, affidabile e di tipo “stateful”, e la tecnologia VPN IPsec. L'mGuard Secure Cloud garantisce la riservatezza, l'autenticità e l'integrità di tutte le informazioni e i dati scambiati tra il personale della manutenzione e le macchine.

mGuard Secure Cloud utilizza la tecnologia VPN (Virtual Private Network, Rete Privata Virtuale)basata su IPsec, uno standard ampiamente riconosciuto e sicuro per le connessioni remote. Per mSC viene utilizzato lo standard AES con cifratura a 256 bit (AES-256), omologato per la protezione di dati strettamente confidenziali. Inoltre l'algoritmo SHA-1 utilizzato garantisce l'integrità dei dati quando i pacchetti cifrati vengono inviati via Internet.

Ogni mGuard collegato alla macchina dispone di una configurazione integrata che viene utilizzata esclusivamente per la comunicazione con mGuard Secure Cloud. La visualizzazione, ricerca e comunicazione da o verso dispositivi, o tecnici dell'assistenza, di altri account non è consentita. Grazie a certificati univoci in ogni dispositivo, è garantito il meccanismo di autenticazione con i nostri server. Metodi di autenticazione simili vengono utilizzati per i tecnici dell'assistenza, in modo tale che possano comunicare esclusivamente con determinati dispositivi mGuard. Oltre all'autenticazione, mGuard offre anche un firewall che protegge la macchina dall'accesso non autorizzato esternamente alla VPN.

Alla postazione macchina serve esclusivamente un unico dispositivo mGuard. Sono disponibili una serie di versioni mGuard per il settore industriale. Alla postazione dei tecnici dell'assistenza serve un dispositivo mGuard o un software IPsec-VPN compatibile, ad esempio il client VPN mGuard Secure o il client VPN Shrew Soft. Per entrambe le postazioni è necessario un collegamento Internet tramite la porta WAN mGuard.

Dopo aver effettuato il login a mGuard Secure Cloud, verrà visualizzata la schermata MANUTENZIONE. Da questa schermata si può capire quale tecnico dell'assistenza è collegato. In questa sezione è possibile richiedere una nuova VPN di servizio. Fare clic sul simbolo e seguire le istruzioni.

Dopo aver effettuato il login a mGuard Secure Cloud, verrà visualizzata la sezione dedicata alla MACCHINA. Da questa sezione si può capire quali macchine sono collegate. In questa sezione è possibile richiedere una nuova VPN sulla macchina. Fare clic sul simbolo e su una postazione.
Dopo aver selezionato la postazione, fare ancora clic sul simbolo per aggiungere la macchina. Dopo aver inserito il nome della macchina, è possibile richiedere una VPN per questa macchina.

  • La barra “Manutenzione” indica lo stato del client mGuard SMART o del client VPN mGuard Secure. È rossa se la VPN di servizio non è collegata e verde se la VPN di servizio è collegata.
  • La barra “Macchina” indica lo stato del collegamento speciale a uno degli mGuard macchina in campo: se è rossa indica che non è stato stabilito alcun collegamento tra l'utente e la macchina, se è verde indica che esiste un collegamento tra utente e macchina.
  • La barra “Macchina” indica lo stato del collegamento a uno degli mGuard collegati direttamente alla macchina in campo: se è rossa significa che il routing tra la VPN di servizio e la VPN macchina non è stato effettuato.
  • Per un collegamento con esito positivo, le barre “Servizio”, “Routing” e “Macchina” devono essere tutte verdi.
Indicazione di stato: Servizio (tunnel VPN stabilito/interrotto) | Routing (effettuato/non effettuato) | Macchina (raggiungibile/non raggiungibile)

Dopo aver effettuato il login, è possibile fare cliccare su “Help”, nell'angolo in altro a destra, per scaricare le istruzioni relative a mGuard Secure Cloud.

Nella scheda “Macchina” selezionare la postazione macchina da modificare. Fare clic sul simbolo e seguire le istruzioni per modificare il nome della postazione della macchina.

mGuard Secure Cloud non consente all'utente di lavorare contemporaneamente su diverse macchine. Tuttavia, è possibile che più tecnici dell'assistenza autenticati lavorino insieme sulla stessa macchina o su diverse macchine.

I dispositivi mGuard (sulla macchina o in ufficio) inizializzano il tunnel VPN verso mGuard Secure Cloud e utilizzano esclusivamente le porte in uscita. Non è necessario aprire apposite porte del firewall aziendale per utilizzare il nostro server. Inoltre lo standard VPN basato su IPsec utilizza le porte UDP 500/4500. CoCon la tecnologia mGuard possiamo usare però le porte in uscita già abilitate, come ad esempio HTTPS (TCP 443).

mGuard può essere configurato per entrambe le situazioni. Se non si desidera che l'utente finale abbia accesso alla propria macchina, mGuard può bloccare l'intero traffico dati locale dalla rete dell'utente finale e consentire esclusivamente il traffico dati VPN.

Tuttavia mGuard può essere configurato anche in modo tale da consentire il traffico dati dell'utente finale verso la propria macchina. Assicurarsi che sia stata indicata la rispettiva caratteristica speciale con la richiesta della configurazione VPN.

Con mGuard è possibile attivare o disattivare il tunnel chiudendo un contatto sul dispositivo mGuard.

Assicurarsi che sia stata indicata la rispettiva caratteristica nella configurazione VPN.

Per collegarsi ai server, mGuard utilizza la rete del cliente finale. Questo vuol dire che sono necessarie le stesse impostazioni di un collegamento tra PC e rete (indirizzo IP, maschera subnet e gateway standard). Inoltre mGuard può agire come client DHCP e acquisire automaticamente tutte le impostazioni necessarie.

Nessun problema. Per ogni configurazione VPN alla macchina, o in caso di manutenzione, verrà fornito il supporto necessario attraverso il nostro servizio Secure Cloud. Il nostro servizio assistenza è a vostra disposizione per supportarvi via telefono (solo per i clienti Premium), o tramite e-mail, se nel corso della richiesta di configurazione VPN (VPN-Builder) verrà spuntata la casella “Vorrei essere contattato."

Configurazione VPN

E' quindi possibile testare l'offerta cloud in modo gratuito. Dopo aver effettuato la registrazione, ogni cliente mGuard Secure Cloud può effettuare una prova gratuita (utenti Premium) di 30 giorni per una connessione di servizio e per una connessione macchina. Entrambe le connessioni VPN verranno configurate gratuitamente e potranno essere testate in modo approfondito. Una volta trascorso il periodo di prova è possibile trasformare le connessioni di prova in connessioni VPN funzionali. Rivolgersi al nostro servizio Secure Cloud.  

Le connessioni VPN possono essere eliminate sia per azioni di manutenzione che per azioni su macchine nella rispettiva scheda principale della macchina o della postazione di lavoro dell'assistenza dagli utenti “Admin” e “Master Admin”.

Eliminare connessioni VPN

I dati di collegamento principali sono visibili agli utenti “Admin” e “Master Admin” seguendo il percorso:

Voce di menu “Amministrazione >> Connessioni VPN”: panoramica di tutte le connessioni VPN stabilite e relativo stato.

Gestione mSC

Per le seguenti postazioni di servizio abbiamo attualmente certificato i seguenti client VPN per software IPsec:

  • mGuard Secure VPN Client
  • Shrew Soft: http://www.shrew.net/
  • Accertarsi che il proprio browser accetti i cookie per l'indirizzo “https://de.cloud.mguard.com”.
  • Controllare le impostazioni dei cookie per Firefox:
    Menu >> “Impostazioni” >> “Privacy” >> “Cronologia” > spuntare la casella “Accetta i cookie”.

Torna alla panoramica
Ulteriori informazioni
  • FAQ relative al servizio mGuard Secure Cloud

Phoenix Contact Spa

Via Bellini, 39/41
20095 Cusano Milanino (MI)
02 66 05 91

Questo sito utilizza cookies, continuando la navigazione acconsenti alla nostra Cookie Policy. Consulta la nostra informativa sulla Privacy.

Chiudi