Torna alla panoramica

Prova vibrazioni e urti

Test di resistenza agli urti secondo IEC 60068-2-27

Diagramma degli urti con 3 ms/350 g  

Diagramma degli urti

Urti (livello di rigore secondo la norma DIN EN 50155)

Questa prova si esegue per testare e documentare la resistenza di un collegamento agli urti di frequenza irregolare con contenuto di energia variabile. Per simulare il carico del traffico ferroviario vengono utilizzati i livelli di rigore della normativa DIN EN 50155 e DIN EN 61373 (Normativa europea per le applicazioni ferroviarie).

Per la determinazione dell'urto vengono predefinite l'accelerazione e la durata. La normativa IEC 60068-2-27 prescrive tre urti positivi e tre urti negativi su tutti e tre gli assi (X, Y, Z). Le accelerazioni simulate raggiungono i 50 m/s² con una durata dell'urto di 30 ms. Al termine della prova, il collegamento non deve presentare danni che possano pregiudicarne l'utilizzo futuro. Durante la prova viene monitorato il comportamento di contatto dei provini. La normativa ferroviaria non ammette interruzioni di contatto > 1 µs.

I morsetti componibili di Phoenix Contact resistono a questo carico di sollecitazioni e sono indicati per applicazioni con vibrazioni estreme.

Torna su

Prova vibrazioni secondo DIN EN 61373

Prova vibrazioni secondo DIN EN 61373  

Prova vibrazioni secondo DIN EN 61373

Resistenza ai rumori a banda larga (livello secondo DIN EN 50155)

Nel settore della tecnica dei trasporti, i morsetti componibili sono soggetti a vibrazioni e urti. Per una simulazione pratica di queste sollecitazioni, la resistenza alle vibrazioni dei provini viene testata con vibrazioni a banda larga che producono rumore che generano accelerazioni realistiche sul morsetto componibile e sul conduttore collegato.

Per la prova della categoria 1b viene utilizzato un campo di frequenza da 5 Hz a 150 Hz. Il valore effettivo dell'accelerazione può arrivare a 5,72 m/s². La prova viene eseguita sui tre assi del provino (x, y, z) ogni cinque ore. Durante la prova il contatto elettrico viene sottoposto a vibrazioni ed esaminato. I morsetti componibili non devono presentare danni che possano pregiudicarne l'utilizzo futuro. Inoltre durante la prova non sono ammesse interruzioni di contatto da 1 µs.

I morsetti componibili di Phoenix Contact di tutti i tipi di connessione soddisfano questi elevati requisiti di resistenza alle vibrazioni.

Torna su

Prova di vibrazioni secondo IEC 60068‑2‑6

Prova vibrazioni secondo IEC 60068-2-6  

Prova di vibrazioni secondo IEC 60068‑2‑6

Questa prova serve a documentare la resistenza alle vibrazioni di un collegamento sotto l'azione di vibrazioni prolungate nel tempo. A tale scopo è prevista la trasmissione di oscillazioni armoniche di forma sinusoidale per simulare le forze rotanti, pulsanti o oscillanti che agiscono sul provino. Il test viene effettuato su tutti e tre gli assi (x, y, z).

Per la prova viene utilizzata una frequenza compresa tra 5 Hz e 150 Hz alla velocità di un'ottava al minuto. Il valore effettivo dell'accelerazione può arrivare a 50 m/s². La prova viene eseguita sui tre assi del provino (x, y, z) ogni 2 ore. Durante la prova il contatto elettrico viene esaminato. I morsetti componibili non devono presentare danni che possano pregiudicarne l'utilizzo futuro. Inoltre durante la prova non sono ammesse interruzioni di contatto > 1 µs.

Tutti i tipi di connessione soddisfano i requisiti della norma senza interruzione del contatto elettrico. Sono quindi particolarmente indicati per applicazioni complesse, nelle quali deve essere garantito il funzionamento sicuro del collegamento anche in caso di forti vibrazioni.

Torna su

Phoenix Contact Spa

Via Bellini, 39/41
20095 Cusano Milanino (MI)
02 66 05 91

Questo sito utilizza cookies, continuando la navigazione acconsenti alla nostra Cookie Policy. Consulta la nostra informativa sulla Privacy.

Chiudi