Torna alla panoramica

Effetti della corrente atmosferica

Quali conseguenze comportano i danni causati dalle scariche atmosferiche? In che modo è possibile proteggere in tal senso edifici e impianti?

Danni conseguenti e guasti causati dalle scariche atmosferiche

A seconda dell'energia trasportata, la scarica atmosferica può causare danni ingenti a edifici e impianti che possono comportare ulteriori danni conseguenti.
 
Tali danni risultano evidenti nel caso di abitazioni o imprese commerciali frequentate regolarmente da persone. Nella maggior parte dei casi, vengono introdotte misure a breve termine per limitare i danni. Dopo un evento di questo genere è possibile stimare in modo rapido e concreto la portata del danno. Un intervento tempestivo di riparazione e ripristino del servizio per le funzioni principali dell'impianto può evitare danni conseguenti.

Danni conseguenti e guasti causati dalle scariche atmosferiche

Negli impianti di grandi dimensioni o situati in ubicazioni esposte, normalmente non è possibile effettuare una sorveglianza costante condotta da persone fisiche. Perdite o danneggiamenti vengono spesso constatati solo attraverso i danni conseguenti. Per questo motivo si ricorre sempre più spesso a sistemi di monitoraggio intelligenti che controllano costantemente i diversi stati delle funzioni di un impianto e trasmettono i risultati direttamente a un'unità di controllo centrale. In tal modo è possibile intervenire immediatamente in caso di guasto ed evitare i danni conseguenti, oltre che lunghi tempi di inattività.

Finora non esistevano sistemi di misurazione in grado di riconoscere e valutare in modo affidabile le scariche atmosferiche in un impianto. E di conseguenza non erano disponibili nemmeno segnalazioni di danni o guasti relativamente a tali fenomeni.

Impianti particolarmente esposti e a rischio di scariche atmosferiche sono, ad esempio, gli impianti eolici, gli impianti per la produzione di energia elettrica, gli impianti industriali di grandi dimensioni e le ferrovie. In questo tipo di impianti è generalmente molto difficile, se non impossibile, realizzare misure complete di protezione dalle scariche atmosferiche.
 

Sistema di misurazione della corrente atmosferica LM-S

Sistema di misurazione della corrente atmosferica LM-S  

L'esclusivo sistema di misurazione della corrente atmosferica

Per rilevare e valutare tempestivamente le scariche atmosferiche è disponibile il sistema Lightning Monitoring System LM-S di Phoenix Contact. Il sistema consiste essenzialmente in un'unità di valutazione e un sensore, montato sulla linea di ritorno di un impianto parafulmine.

Questo sistema di misurazione utilizza l'effetto Faraday, o effetto magneto-ottico, per analizzare l'altezza e la direzione di flusso delle correnti di scarica da fulmine che arrivano agli impianti parafulmine. In questo modo si esercita un'influsso magnetico su un segnale luminoso e la densità del flusso viene valutata come risultato della misurazione. Anche la trasmissione del segnale avviene tramite fibra ottica.

Rispetto a una trasmissione del segnale in rame c'è un vantaggio determinante. Le correnti atmosferiche che arrivano nell'area del sistema di misurazione possono non influenzare più il segnale luminoso o inserirsi nel circuito di trasmissione. In tal modo, l'elettronica dell'unità di analisi dispone di un segnale affidabile e sicuro dal punto di vista della compatibilità elettromagnetica.

Phoenix Contact Spa

Via Bellini, 39/41
20095 Cusano Milanino (MI)
02 66 05 91

Questo sito utilizza cookies, continuando la navigazione acconsenti alla nostra Cookie Policy. Consulta la nostra informativa sulla Privacy.

Chiudi