Torna alla panoramica

Cavi e conduttori

Cavi e conduttori con siglatura

I cavi e i conduttori hanno entrambi lo stesso scopo, ossia trasmettere segnali elettrici o energia elettrica.

Nel linguaggio comune il cavo viene spesso confuso con il conduttore, poiché entrambe le varianti nella maggior parte dei casi sono realizzate con conduttori isolati tra loro. Il cavo presenta tuttavia un'elevata resistenza meccanica che ne consente l'impiego nel terreno, in acqua o anche all'aperto senza protezione. Il conduttore (denominato anche filo) è composto, oltre che dall'isolamento, anche da un nucleo conduttore in alluminio. Il rame è il materiale preferito grazie alle sue straordinarie proprietà elettrotecniche.

Classi dei conduttori secondo IEC/DIN EN 60228

I conduttori si suddividono in classi  

Classi dei conduttori secondo IEC/DIN EN 60228 (VDE 0295)

IEC / DIN EN 60228 (VDE 0295) suddivide i conduttori in quattro classi di flessibilità, in base alle quali viene classificata la flessibilità di base. I criteri di tale selezione sono il diametro del filo singolo e il numero di fili singoli. Un'ulteriore grandezza di riferimento per la stabilità della forma è il passo di torsionatura. Il passo di torsionatura corrisponde alla lunghezza di un filo singolo necessaria per effettuare un torsione di 360°. Quanto più ridotto è il passo di cordonatura, tanto più rigido e compatto è il conduttore e, di conseguenza, tanto più elevato è il diametro esterno.

  1. Classe 1: rigido    
  2. Classe 2: semirigido
  3. Classe 5: flessibile
  4. Classe 6: molto flessibile
Struttura del conduttore standard  

Struttura del conduttore standard

Nella norma IEC / DIN EN 60228 (VDE 0295) sono definite le sezioni trasversali dei conduttori tramite i valori di conduzione elettrica o i valori di resistenza. Tali valori costituiscono la base del calcolo della capacità massima di corrente. I dati geometrici, in particolare le tolleranze della sezione trasversale, non sono state fissate nella norma. Di conseguenza, la sezione trasversale reale può discostarsi in modo rilevante dalle sezioni trasversali nominali.

Attraverso l'utilizzo del rame, che al giorno d'oggi presenta una purezza fino al 99,99%, il produttore è in grado di ridurre la sezione traversale del rame effettiva di oltre il 10%. Questo fatto è di estrema importanza nell'operazione di crimpatura.

L'isolamento serve come separazione permanente tra i singoli conduttori e come involucro protettivo contro gli influssi esterni. Il requisito di base del materiale isolante è la portata massima della resistenza elettrica, che può differire dal calore generato. Attualmente, per questo motivo, il materiale isolante preferito è la plastica, in tutte le sue varianti. La tipologia e le caratteristiche della plastica sono rilevanti ai fini delle destinazioni di utilizzo dei conduttori e dei cavi. Un ulteriore criterio è rappresentato dall'intensità dell'isolamento. Questa misura ha un influsso diretto sulla resistenza meccanica ed elettrica. Anche la composizione del'isolamento (durezza, resilienza, spessore, ...) è un fattore decisivo per la scelta dell'utensile d'isolamento adatto.

  1. Isolamento
  2. Conduttore
  3. Lunghezza del tratto da spelare
  4. Conduttore
  5. Direzione della cordonatura
  6. Passo della cordonatura

PHOENIX CONTACT S.p.a.

Via Bellini, 39/41
20095 Cusano Milanino (MI)
02 66 05 91

Questo sito utilizza cookies, continuando la navigazione acconsenti alla nostra Cookie Policy. Consulta la nostra informativa sulla Privacy.

Chiudi